Il principe Granchio


Un povero pescatore squattrinato  non riesce a dare da mangiare alla famiglia e spera, avendo trovato un grosso granchio, di venderlo al Re e ricavarne una bella cifra. La Principessa, appassionata di animali acquatici,  chiede al padre di acquistarlo per la sua peschiera. La vasca ha sotterranei collegamenti e la giovane, grazie all'intervento di un vagabondo, scopre che il granchio ogni giorno nuota in queste gallerie per arrivare in un luogo in cui una fata gli permette di trasformarsi momentaneamente in uomo e mangiare. La principessa si innamora dell’uomo (in realtà un giovane principe) si infila nella scorza vuota del granchio e lo sorprende quando rientra. Di nascosto dalla fata si accordano per liberare il principe dall'incantesimo: lei dovrà cantare sugli scogli e quando la fata, amante del bel canto, uscirà dal mare e le chiederà di proseguire lei dovrà farlo a patto di ricevere in cambio il fiore che ha tra i capelli. Così il giovane sarà liberato dall'incantesimo. Naturalmente così fanno, la principessa organizza il concerto con otto damigelle e si impossessa del fiore. Alla fine della storia  i genitori del principe chiederanno la  mano della principessa.
Il Re ci resta un po' male, perché era all'oscuro di tutto; chiama la figlia e questa arriva correndo e si butta tra le braccia del Principe: - Questo è il mio sposo, questo è il mio sposo! - e il Re capisce che non c'era altro da fare che combinare le nozze al più presto.